giovedì 14 aprile 2016

RECORDO DE TOMASO CAMPANELLA (DIALETO DE VENAS)

RICORDO DI TOMMASO CAMPANELLA (DIALETTO DI VENAS)


Brano tratto dalla "Città del Sole" - Versione dialettale di Giancarlo Soravia

Chel che ien dopo l'é an tòco tirà fora da la "Ẑità del Sol" de Tomaso Campanella, tòco che, a mè parer, al fa vede al pì iusto paragon intrà la soẑietà atual del mondo, s-ciava de l'amor propio, e na possibil, anca se utopistica, soẑietà libera da el.

Quello che segue è un brano tratto da "La Città del Sole" di Tommaso Campanella, brano che, a mio parere, rappresenta la più felice comparazione tra la società attuale del mondo, schiava dell'amor proprio, ed una possibile, anche se utopistica, società libera da esso.

".....Lore i dis che duta la propietà la nasse da fei ciasa par conto sò, e fioi e femena par conto sò, e da chesto nasse l'amor propio; e par portà a esse sior o in àuto al fiol o lassàlo erede, ognun al deventa o an sgrafignón publico, se no l'à timor, sendo da taẑón; o cimpa e fufignón e brónẑa scuèrta, se no l'à forẑa. Ma cuan che i perde l'amor propio, resta al [amor] comun solo".

"....Dicono essi che tutta la proprietà nasce da far casa appartata, e figli e moglie propria, onde nasce l'amor proprio; ché per sublimar a ricchezze o a dignità il figlio o lasciarlo erede, ognuno diventa o rapace publico, se non ha timore, sendo potente; o avaro ed insidioso ed ippocrita, si è impotente. Ma quando perdono l'amor proprio, resta lo [amore] commune solo".


da un mio Blog, ora chiuso:

http://blog-cadorin.blogspot.it/2006/12/omaggio-tommaso-campanella.html