mercoledì 13 aprile 2016

FILASTROCHE, CONTA' (DIALETO DE VENAS)

FILASTROCCHE, CONTE (DIALETTO DI VENAS)



(Post pubblicato originariamente su ladin-cadorin.blogspot.it il 2/8/2007 e trasferito su questo Blog)

(R.P-1943 sta per Tesi di Laurea di Rosetta Palmieri sul dialetto di Venas dell'anno 1943)

I MES (R.P.-1943)

Ienarón dai dente longhe,
Februaruto pedo de dute,
Marẑo l'à conprà la peliẑa a sò mare,
Aprile piande e ride,
Màio viéste cianpe e prai,
Iunio verde la stala e canbia la sterna,
Luio porta a ciasa le biave,
Agosto, no te ciapa 'l sol, calà inte 'l bosco,
Setenbre, la nuóte e 'l dì se bete in senbre,
Otobre, studiéve, dente, a tirà inte, che chela bianca la é presto cà,
Novenbre, ien S. Andrea, al porẑèl l'é su la brea,
Deẑenbre, inte filò 'l corleto girarèi, e stopa e lana filarèi.




I MESI (R.P.-1943)

Gennaione dai denti lunghi,
Febbraietto peggio di tutti,
Marzo ha comprato la sottoveste a sua madre,
Aprile piange e ride,
Maggio veste campi e prati,
Giugno apre la stalla e cambia lo strame,
Luglio porta a casa le biade,
Agosto, non ti prende il sole, calato nel bosco,
Settembre, la notte e il giorno si mettono a pari,
Ottobre, affrettatevi, gente, a ritirare, che quella bianca è presto qui,
Novembre, viene S.Andrea, il maiale è sull'asse,
Dicembre, nel filò* l'arcolaio girerò, e stoppa e lana filerò.

* stanza per filare



FUNERAL

Din Delelòn,
l'é morto chel òn,
via par chi prà;
se l'é vivo lassélo là,
se l'é morto portélo in cà.
Codarós porta la crós,
Panteàne sona le campane,
Talpine fa la busa,
Grì scuèrde su,
e i fa curucucù.
FUNERALE

Din, Don,
è morto quell'uomo,
là in quei prati;
se è vivo lasciatelo là,
se è morto portatelo qua.
Codirosso porta la croce,
ratti suonano le campane,
le talpe fanno la buca,
i grilli coprono,
e fanno curucucù.



I DIEDE (R.P.-1943)


Diedolìn, sposalìn, coda longa, raspa piate, maẑa peduóie.
Chesto l'é du inte la Buóite,
Chesto 'l à tirà fòra,
Chesto 'l à portà a ciasa,
Chesto l'à fato la panada,
Chesto 'l se l'à magnada.
LE DITA (R.P.-1943)


Ditolino, sposalino, coda lunga, raspa piatti, ammazza pidocchi.
Questo è andato nel Boite,
Questo lo ha tirato fuori,
Questo l'ha portato a casa,
Questo ha fatto la panada*,
Questo se l'è mangiata.


* zuppa di pane



AL S'CIO' (R.P.-1943)

Corno, corno, gru,
béte fòra quatro corne,
un a mi, un a ti,
un a la vacia che à da morì,
e un al podestà,
se nò 'l ien fòra co la manèra a te maẑà.
LA LUMACA (R.P.-1943)

Corno, corno, gru,
metti fuori quattro corni,
uno a me, uno a te,
uno alla vacca che deve morire,
e uno al podestà,
se no viene fuori con l'ascia ad ucciderti.



CONTA' (1) (R.P.-1943)

Fasón cordón,
cordón de San Francesco,
la bèla stéla in mèdo,
la faẑe 'n sàuto,
l'in faẑe 'n àutro,
la faẑe la penitenẑa,
la faẑe la reverenẑa,
la sère i vóie,
la bàse chi che la vó.
CONTA (1) (R.P.-1943)

Facciamo cordone,
cordone di San Francesco,
la bella stella in mezzo,
faccia un salto,
ne faccia un altro,
faccia la penitenza,
faccia la riverenza,
chiuda gli occhi,
baci chi vuole.


CONTA' (2)

Olì olè che t'amusè
che t'aprofit a lusinghè
tulilèm, blam, bluf
tulilèm, blam, bluf

Una versione molto simile a questa si trova in dialetto milanese:
http://www.filastrocche.it/contenuti/auli-ule-cha-ta-musee/